fbpx
Vai al contenuto

Investire nel mondo del calcio

Per definizione il termine investimento indica l’impiego di una somma di denaro in un’impresa o nell’acquisto di valori o anche di oggetti. A giorno d’oggi, con i diversi strumenti di trading online è molto semplice investire nelle società quotate in Borsa: basta accedere ad un sito specializzato, crearsi il proprio account e comprare delle azioni, il cui prezzo varia in base all’andamento dell’azienda e di diversi fattori legati ad essa. In altre parole, investire, significa credere in un business, finanziarlo con un capitale personale, in modo tale da permettere ad una società di migliorare la propria attività, aumentando così il valore delle azioni acquistate. Un concetto molto semplice a cui alla base ci sono numerosi studi, calcoli probabilistici e fattori casuali, non prevedibili umanamente, che riescono a mettere in difficoltà anche gli analisti più esperti.

Come si investe nelle società di calcio?

A giorno d’oggi esistono diversi modi per investire nelle società. Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, ha investito del capitale su una squadra di calcio. Parlando di argomenti di più facile comprensione rispetto alle azioni societarie, senza dubbio, chiunque ha investito qualche euro su un club e su le sue prestazioni. Scommettere? Sì, esattamente, le famose schedine che si compilano ogni weekend possono essere comparate ad un investimento a breve termine, ovviamente in maniera molto semplificata. Se si segue la definizione enunciata all’inizio dell’articolo, giocare 2 euro sulla vittoria del Real Madrid corrisponde ad un “impiego di una somma di denaro in un’impresa”. Il Real Madrid è l’impresa, i 2 euro sono la somma di denaro, la vostra vincita si basa sull’andamento della società in un brevissimo tempo, che al massimo può raggiungere i 90 minuti.

Parlando, invece, di investimenti con un’ottica un po’ più specializzata, entra in gioco il concetto di azione e di quota di partecipazione. Si può intendere un’azione come una piccola parte di una società, ovvero, in base al capitale investito, si acquistano dei titoli che corrispondono ad una percentuale di proprietà di un’azienda, ottenendone determinati diritti e doveri. Per capire meglio è bene fare un piccolo esempio. In totale la proprietà dell’azienda X è suddivisa in 100 azioni che vengono vendute ciascuna al prezzo di 1. Se si investisse 10 nella società X, si possederebbero 10 azioni, nonché il 10% dell’azienda stessa. Questo concetto è tranquillamente applicabile a tutte le società quotate in Borsa, tra cui è possibile trovare diverse squadre di calcio. Tra le più importanti e le più prolifiche dell’anno 2016 si possono notare: Trabzonspor, Borussia Dortmund, Lazio, Juventus, Roma, Manchester United, Sporting Lisbona, Benfica, Besiktas ed Arsenal.

Schermata 2018-01-06 alle 00.05.23.png
Grafico relativo all’andamento del titolo di Juventus Football Club SpA (5 gennaio 2018)
Schermata 2018-01-06 alle 00.05.17.png
I valori del titolo di Juventus Football Club SpA (5 gennaio 2018)

Ricapitolando, quindi, oltre alle scommesse, che in parte possono essere valutate come piccoli investimenti riguardanti il mondo del pallone, è bene tenere a mente il mercato societario delle squadre di calcio quotate in Borsa, facendo riferimento al concetto di azione e a come esse possono essere acquistate.

Rischi e vantaggi

Perché un soggetto dovrebbe investire in una società di calcio? È rischioso? Il profitto è cospicuo?

Non esiste un investimento senza rischio. Il concetto è semplice, più alto è il rischio e più alto è il ricavo che si può ottenere. Quindi, come ogni collocamento, l’andamento della società determina un probabile profitto o una probabile perdita, di conseguenza la possibilità di guadagno è sempre incerta.

Recentemente i club tendono sempre di più ad investire nella costruzione di nuovi stadi e di nuove infrastrutture, che aldilà di una mancata manutenzione, garantiscono una base solida per una valutazione positiva di una società. Le fonti di guadagno sono relative tutte al mondo del pallone, quindi se, per anni, tale sport entra in crisi, tutte le squadre faranno fronte ad un periodo negativo. Infatti, le società basano i propri profitti principalmente sulla vendita dei biglietti e sul merchandising. Se si vola con la mente in Inghilterra, dove va in scena lo spettacolo della Premier League, si può notare come in ogni stadio, almeno il 90% degli spettatori possiede un gadget ufficiale della propria squadra, che sia un cappellino, una maglia o una semplice sciarpa. Tutto questo perché? Per una mentalità più all’avanguardia, che testimonia l’amore verso la propria squadra, finanziandone il progetto complessivo, che sia sportivo o societario.

Il rischio più grande corrisponde sicuramente all’imprevedibilità. Soprattutto nel mondo del calcio, esistono eventi che non possono essere previsti. I giocatori sono il motore dell’azienda, perché il valore di un club dipende quasi esclusivamente dalle vittorie della squadra. Di conseguenza, un acquisto sbagliato è un investimento errato da parte della società che fa perdere valore all’azienda stessa. Infortuni o incidenti che possono riguardare la salute di qualche atleta incidono fortemente sui risultati e sull’andamento dei titoli quotati, facendone fluttuare il valore. Un ulteriore rischio, come già specificato sopra, è la mancanza di possibilità di diversificare le fonti di guadagno. I profitti derivano solo ed esclusivamente dal mondo del calcio, con la recente aggiunta dei diritti TV, sempre relativi all’universo del pallone. Riassumendo i rischi maggiori riguardano tutti il fatto che l’unica fonte di introiti di ogni squadra derivi dai risultati sportivi, i quali sono caratterizzati da mancanza di prevedibilità certa.

Nonostante alcuni aspetti negativi, investire nel mondo del calcio possiede diversi aspetti positivi. In primis, il vantaggio più grande di cui un investitore può godere è l’informazione. Infatti, un soggetto, grazie ai numerosi giornali sportivi cartacei e digitali, è in grado di conoscere perfino il nome della moglie del magazziniere, permettendogli di prevedere meglio i futuri risultati di una squadra. Dato che il valore del titolo dipende esclusivamente dagli eventi sportivi, le azioni di un’azienda sono molto volatili, ovvero sono in grado di cambiare valore repentinamente, permettendo, all’investitore, di ottenere grandi plusvalenze anche in un breve periodo. Come già preannunciato precedentemente, un altro vantaggio, può essere quello di contribuire ai fausti della propria squadra del cuore, essendone a tutti gli effetti proprietari e diretti protagonisti. Infine, come già accade, una società utilizza spesso il proprio nome per organizzare eventi o per costruire altre aziende con lo scopo di accrescere il proprio business.

Conviene investire?

Dipende. Come già preannunciato, non si può mai prevedere se un investimento possa essere conveniente o meno. Infatti, nonostante i motivi passionali che legano un tifoso alla propria squadra, è difficile trovare una persona comune che possieda delle azioni relative alla società del cuore. Perché per investire nel mercato c’è sempre bisogno di studio e di competenza specializzata, in quanto il primo obiettivo di ogni collocamento non è quello di supportare il proprio club, bensì quello di ottenere dei guadagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.